It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Guerra Ucraina: a Kiev armi da 35 Paesi

Dai veicoli corazzati alle munizioni di artiglieria, fino ai sistemi anticarro portatili

I ministri della difesa britannico di 35 Paesi, tra cui Regno Unito, Usa, Nuova Zelanda, Corea del Sud e Giappone si sono accordati nelle scorse ore per fornire armamenti a Kiev: dai veicoli corazzati alle munizioni di artiglieria, fino ai sistemi anticarro portatili. Una decisione che va incontro, solo in parte (non ci sono aerei) alle richieste ucraine.

Occorrono "carri armati, aerei e sistemi di artiglieria in questo difficile punto di svolta, perché la libertà non dovrebbe essere peggio armata della tirannia", aveva affermato ieri il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, rivolgendosi agli Stati Uniti. "La migliore contromisura è rappresentata dall’artiglieria a lunga gittata. Gli ucraini stanno anche cercando veicoli corazzati di diverse tipologie, non necessariamente carri armati, ma sicuramente veicoli protettivi e più sistemi antiaerei", ha dichiarato il ministro della difesa britannico, Ben Wallace.

Una scelta che fa capire come l'Alleanza Atlantica non creda alla ritirata delle forze armate di Mosca, quanto piuttosto ad una riorganizzazione e risistemazione di uomini e mezzi militari decisa dagli strateghi russi e dal presidente Putin.

Sullo stesso argomento vedi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS.

Gic - 1243485

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Similar