It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Stati Uniti: gli aeroporti minori perdono traffico

I gestori più piccoli stanno siglando accordi con low-cost ed amministrazioni locali

La domanda di viaggi in aereo sale a livello globale, tanto che negli Stati Uniti le aviolinee si preparano per l'estate e prevedono di offrire l'11% di posti a sedere in più rispetto alla stagione calda 2021. Tuttavia, negli aeroporti minori americani si assiste ad una dinamica opposta: il traffico dei velivoli è diminuito ed alcuni scali rischiano di chiudere. Per questo motivo i gestori più piccoli stanno siglando accordi con aviolinee ed amministrazioni locali.

Le cause sono molteplici. Tra queste c'è il fatto che i vettori aerei regionali che li servono non riescono a trattenere i piloti, che vengono acquistati dalle aviolinee più grandi. Un fenomeno che influisce pesantemente sul futuro degli scali minori. Basti pensare che in 30 aeroporti statunitensi si è registrata una perdita di circa il 50% delle partenze rispetto al 2019. Secondo la Regional Airline Association (Raa) sono circa due terzi gli scali statunitensi con servizio di linea passeggeri che si affidano esclusivamente a vettori aerei regionali. 

Inoltre, adesso che la domanda di viaggi è ripresa più rapidamente del previsto, molte aviolinee stanno pagando cara la carenza di piloti; gli stessi che durante la pandemia avevano incoraggiato ad andare in pensione anticipata per non pesare sul bilancio aziendale. Il Bureau of Labor Statistics stima che ci saranno posti di lavoro per 14.500 piloti all'anno per il prossimo decennio.

Altro problema è l'aumento dei prezzi del carburante, che ha reso più difficile per le compagnie aeree guadagnare sulle rotte di nicchia. Inoltre, i jet da 50 posti sono in via di estinzione, sostituiti da aerei da 70 o più posti che sono più efficienti ma troppo grandi rispetto alla domanda di passeggeri degli aeroporti minori.

Per evitare la chiusura, gli scali minori stanno siglando accordi, con low-cost e start-up, per garantire una quantità minima di entrate per i collegamenti aerei nel territorio, sollecitando i residenti ad utilizzare maggiormente i velivoli come mezzo di trasporto. Anche il governo federale ha interesse a garantire che i centri abitati minori abbiano modo di collegarsi alla rete aerea e per questo motivo sovvenzionano il servizio attraverso il programma Essential Air Service. 

Sull'argomento vedi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS.

Gic - 1244963

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Similar