It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Kosovo: Carabinieri presidiano ponte con la Serbia

Nella città di Mitrovica si riaccendono tensioni nei Balcani

Dopo quasi un decennio il ponte di Mitrovica è di nuovo sorvegliato. In azione i Carabinieri italiani della Kosovo Force (Kfor), la forza militare internazionale guidata dalla North Atlantic Treaty Organization (Nato) responsabile dell'ordine e della pace nella regione amministrata dall'Organizzazione mondiale delle Nazioni Unite (Onu). Una mossa resa necessaria dall'inasprirsi degli scontri tra serbi ed albanesi.

La mediazione dell’Unione europea e della Nato ha evitato che i disordini avvenuti domenica scorsa al confine fra Serbia e Kosovo potessero degenerare. La tensione è salita quando domenica il governo del Kosovo ha deciso di adottare nuove norme sulle targhe automobilistiche e sui documenti di identità: si prevedeva l’adozione di contrassegni kosovari e l’obbligo di documenti provvisori in sostituzione di quelli serbi per entrare in Kosovo.

Così il ponte di Mitrovica, naturale collegamento tra il lato albanese e quello serbo, è divenuto un punto da sorvegliare per il pericolo di scontri. Le sirene di allerta sono entrate in funzione quasi subito, dopo che alcuni serbi hanno eretto delle barricate a Mitrovica presso i valichi di frontiera di Brnjak e Jarinje, in segno di protesta contro l’obbligo disposto dal governo di Pristina.

Sullo stesso argomento vedi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS.

Gic - 1246220

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Similar