It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Il 7 agosto 1910 nasceva la prima scuola italiana di aviazione

A Pordeonone si inaugurò una struttura pionieristica

La data odierna è una delle più importanti per la storia dell’aviazione italiana. Il 7 agosto del 1910, esattamente 110 anni fa, veniva aperta ufficialmente la prima scuola del nostro Paese per formare i futuri piloti. Si tratta della struttura sorta a Pordenone ed in seguito rilevata dal Regio Esercito, un istituto a cui sono associati nomi di prestigio dell’aviazione con record importanti alle spalle. Ancora prima di Aviano, dunque, c’era Pordenone. La città friulana registrò un grande sviluppo industriale all’inizio del XX secolo: diversi cittadini si appassionarono a quelle che sembravano soltanto delle avveniristiche macchine volanti, i futuri aerei. Ci fu addirittura un comitato promotore per sottoscrivere la realizzazione della scuola di volo, la prima in assoluto in tutta Italia. 

Con 40 mila lire raccolte, il sogno diventò realtà e per gli spazi ci si affidò ad un terreno di proprietà di una famiglia del posto. Il 7 agosto del 1910 i tempi furono maturi per l’inaugurazione ufficiale. Secondo quanto riportato dalle cronache dell’epoca, 30 mila persone parteciparono al grande evento ed i primi velivoli sfoggiati erano di fabbricazione francese. Si trattava di un biplano Henri Farman III e di un monoplano Blériot XI, mentre il primo direttore della scuola fu Alessandro Umberto Cagno. Il Friuli Venezia Giulia si confermò regione pionieristica da questo punto di vista meno di un anno dopo. Nell’aprile del 1911 si inaugurò il vicino aeroporto di Aviano e questo territorio si fece trovare pronto allo scoppio della prima guerra mondiale. La struttura di Pordenone diventò una base operativa per trimotori da bombardamento. È una storia di un secolo fa ed anche oltre, ma riesce ancora a mantenere intatto tutto il suo fascino.

sr - 1231146

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Similar