It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Islanda, Play contro i fondi statali garantiti a Icelandair

I due vettori aerei sono ormai ai ferri corti

"Tutto si aggiusta": il motto usato dall’Islanda per uscire dalla grave crisi economica del 2008 potrebbe essere usato anche per una questione che sta riguardando in queste ore il settore dei trasporti. Il vettore aereo Play che ha praticamente “rimpiazzato” lo scorso anno Wow Air (leggi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS) è ai ferri corti con un’altra aviolinea della Nazione scandinava, Icelandair. In questo caso tutto si aggiusterà? L’ottimismo locale è proverbiale, anche se il confronto tra le compagnie è molto serrato a causa della concessione di una linea di credito. 

In estrema sintesi, Play non ha gradito i fondi governativi garantiti alla compagnia di bandiera, chiedendo espressamente una revoca della concessione; per essere ancora più convincente, poi, si è rivolta ad Esa, l’autorità di sorveglianza di Efta (l’associazione di libero scambio di cui fa parte anche l’Islanda). I motivi per cui la garanzia statale dovrebbe essere revocata sono sostanzialmente due. I legali di Play ritengono che le basi giuridiche della linea di credito siano sbagliate, inoltre il governo di Reykjavik non avrebbe chiarito alcuni aspetti fondamentali ad Esa. Da parte sua, l’esecutivo ha replicato tramite il ministero delle finanze; il dicastero rimane convinto di aver agito nel giusto e ha ricordato altri aiuti simili in Europa, tra cui quello di Alitalia.

Sr - 1231941

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar