It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Ryanair ed Aer Lingus sempre più lontane dall'Irlanda

I due vettori aerei stanno riducendo i collegamenti regionali

Il verde dell’Irlanda non fa più pensare alla speranza a due vettori aerei che ben rappresentano questo Paese. L’aviolinea low-cost Ryanair ed Aer Lingus stanno riducendo progressivamente i collegamenti presso gli aeroporti nazionali a causa delle restrizioni imposte dal Covid-19 (leggi anche l’articolo pubblicato da AVIONEWS). Entrambe le compagnie hanno esortato il governo di Dublino a rivedere quanto prima queste politiche, puntando allo stesso tempo sul cosiddetto “sistema semaforico” ideato dall’Unione Europea per rendere più sicuri i viaggi. Eddie Wilson, amministratore delegato di Ryanair, ha confermato come non ci saranno voli in entrata oppure in uscita dagli scali irlandesi di Cork o Shannon nel periodo compreso tra il 14 novembre e il 13 dicembre prossimi (vedi AVIONEWS). 

Lo stesso discorso vale per l’Ireland West Airport di Knock, interessato dalla sospensione dei voli commerciali nello stesso arco temporale. Non è stato da meno Donal Moriarty, ad di Aer Lingus; secondo il manager irlandese, la frequenza dei collegamenti aerei Cork-Londra verrà ridotta fino a tre voli settimanali a novembre, d’altronde il numero dei passeggeri non fa ipotizzare altre strategie aziendali. Il sistema “semaforico” citato in precedenza prevede la libera circolazione delle persone provenienti dalle zone “verdi”, cioè quelle con bassi tassi di contagio, mentre con il rosso si identificano le aree del mondo più pericolose in questo momento dal punto di vista sanitario.

Sr - 1232954

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar