It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Aer Lingus sempre più interessata a nuovo hub americano

L'aeroporto di Manchester-Boston potrebbe essere la scelta ideale

Gli Stati Uniti rappresentano una delle priorità principali per il vettore aereo irlandese Aer Lingus (leggi anche l’articolo pubblicato da AVIONEWS). Come riferito dai media locali, infatti, la compagnia sarebbe pronta ad annunciare l’apertura di un nuovo hub, per la precisione presso l’aeroporto regionale di Manchester-Boston; si conosce anche il periodo esatto in cui potrebbe esserci l’inaugurazione, vale a dire la prossima estate. L’obiettivo è quello di lanciare nuove rotte che mettano in collegamento l’Irlanda e la città americana, sfruttando gli A-321neo Lr. I giornali del posto stanno parlando di quattro velivoli di base nello scalo a stelle e strisce, con voli destinati a 16 passeggeri di Business class e 168 in Economy. 

Aer Lingus deve comunque fare i conti con una concorrenza non indifferente, visto che a Manchester è Virgin Atlantic a “dominare” i collegamenti con una quota di mercato pari al 53%. Non c’è più, invece, Thomas Cook (vedi AVIONEWS) come un tempo e la lacuna potrebbe essere colmata dall’aviolinea di Dublino. Per ora Aer Lingus assicura voli fino a Boston, Chicago e New York, dopo che l’emergenza coronavirus ha reso necessaria la sospensione di altre 8 rotte statunitensi. Già a gennaio, comunque, il direttore delle vendite Dave Shepherd era stato molto chiaro in merito a queste strategie con parole sibilline: “Trasformeremo la nostra offerta a lungo raggio servendo destinazioni lontane, quindi c’è la possibilità di lanciare nuove rotte in Nord America in futuro”. 

Sr - 1233307

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar