It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Il "vizietto" di Wizz Air: i licenziamenti senza giusta causa

Il vettore aereo condannato per discriminazione

Low-cost, ma anche low-profile: il vettore aereo ungherese Wizz Air non potrà che mantenere il profilo basso d’ora in poi, per la precisione dopo che è emersa la richiesta giudiziaria della corte suprema della Romania in merito al trattamento riservato dalla compagnia ai dipendenti (leggi anche l’articolo che è stato pubblicato da AVIONEWS). I giudici del posto hanno condannato due volte l’aviolinea magiara in passato per discriminazioni e ingiusti licenziamenti. Di cosa si sta parlando esattamente? Il precedente più lontano nel tempo è quello del 2014, quando Wizz Air decise di licenziare 19 lavoratori che avevano avuto la “colpa” di aver istituito un sindacato di categoria. Dodici mesi dopo, la corte romena si era espressa sul caso, giudicando queste scelte aziendali come discriminatorie e infliggendo una sanzione pecuniaria pari a 25 mila lei (poco più di 5 mila Euro). 

Licenziare senza troppi complimenti è stato quindi un “vizietto”, non certo divertente e goliardico come quello dell’omonimo film del 1978 con Ugo Tognazzi. Le conseguenze giuridiche ci sono state, ma il vettore dell’Est Europa sperava forse si potessero mettere a tacere queste voci per non sporcare eccessivamente la propria immagine. La vittoria giudiziaria più grande, secondo quanto riferito dai sindacati della Romania, è quella dell’obbligo di rendere pubbliche le decisioni sulle discriminazioni, sia sulla stampa nazionale che sulle riviste di bordo, quelle lette dai passeggeri. La sentenza è stata emessa dal tribunale di Buftea, la località in cui Wizz Air Romania ha la sede legale. A questo punto possono anche essere lette in modo diverso le dichiarazioni della compagnia in questi ultimi mesi, le uniche improntate all’ottimismo di tutto il settore. Wizz Air è convinta da tempo di potersi riprendere prima delle altre aviolinee (vedi AVIONEWS), magari proprio per questa "abitudine" occupazionale che porta a considerare i dipendenti alla stregua di un fardello e passibili di licenziamento anche senza giusta causa.

Wizz Air, compagnia aerea, comunica che “è venuta a conoscenza delle decisioni esecutive della corte di Buftea prima dalla stampa ed attraverso la consegna delle decisioni. Wizz Air esprime le sue preoccupazioni in merito alla procedura, soprattutto perché la compagnia aerea si era già conformata alle decisioni di base già nel 2019, entro il termine applicabile, e ne ha presentato tutte le prove alla Cncd, l'autorità che ha emesso le decisioni”.

Sr - 1233947

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar