It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Interpellanza su Air Italy, percorso liquidazione e polo aeronautico Olbia

Per evitare trasferimento attività anche promuovendo iniziative in accordo con la Regione per sua creazione

Presentata dall'onorevole Pietro Pittalis (FI)

"Il sottoscritto chiede di interpellare il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, il ministro dell'Economia e delle finanze, il ministro del Lavoro e delle politiche sociali, 

per sapere, premesso che:

la società Air Italy sta proseguendo il percorso di liquidazione, senza tenere conto della storia del polo aeronautico di Olbia (Alisarda, Meridiana ed Air Italy), che comporta gravi danni per l'area della Gallura, come ripetutamente denunciato dai sindaci del territorio, dalle forze sindacali tutte e che la quasi totalità dei dipendenti sono posti in cassa integrazione;

di recente, è stato pubblicato lo schema di Piano industriale 2021-2025 della Newco Alitalia denominata Ita e di cui è azionista il ministero dell'Economia e delle finanze e che lo stesso prevede la costituzione di una società controllata con competenze specifiche nel settore della manutenzioni degli aerei;

nella costituenda società controllata prevista dal piano industriale di Ita (Italia trasporto aereo) si prevede l'acquisto di 52 aeromobili, e che il centro manutentivo di Olbia avrebbe una sua validità industriale. Peraltro, la ex-Alitalia esternalizzava le attività manutentive affidandole a società aventi sede a Napoli. La nuova Ita sembrerebbe muoversi nella direzione di reinternalizzare le attività manutentive. Anche in questa ottica le strutture situate ad Olbia ed il personale Air Italy sarebbero conformi ed adeguati alla bisogna;

nel piano non compare alcun indirizzo per il riassorbimento del personale in generale ed in particolare dell'attuale divisione tecnica manutentiva di Air Italy, 140 unità circa, di cui 100 ad Olbia e per le sorti del centro attualmente esistente ad Olbia;

la divisione tecnica manutentiva di Air Italy è in grado di svolgere attività di alto livello internazionale presso l'hangar di Olbia, come manutenzione pesante, manutenzione di linea (manutenzione leggera) su aerei in transito, oltre alle manutenzioni di componenti aeronautici ed il personale preposto altamente qualificato è difficilmente reperibile sul mercato del lavoro;

una operazione che prevedesse il riassorbimento dei suddetto personale, oltre ad assicurare il posto di lavoro a cento dipendenti, si fonda su solide ragioni industriali e porrebbe le condizioni per la creazione di un polo manutentivo aeronautico in grado di offrire servizi manutentivi, non solo ad Ita, ma anche ad altre compagnie, confermando la centralità della Sardegna;

è necessario altresì bloccare la vendita o svendita delle attrezzature tecniche con la conseguente perdita delle preziose certificazioni;

il trasferimento dell'attività attualmente esistente ad Olbia a parere dell'interpellante rappresenta, oltre al danno, anche una sconfitta politica e della stessa autonomia della Regione Sardegna–:

se i ministri interpellati non ritengano opportuno adottare iniziative, per quanto di competenza, al fine di evitare il trasferimento dell'attività ex-Air Italy attualmente esistente ad Olbia per le ragioni esposte in premessa, anche promuovendo iniziative, in raccordo con la Regione Sardegna, per la creazione di un polo manutentivo aeronautico regionale". (2-01066) 

Pittalis

red - 1234232

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar