It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Collaudi terminati, aereo cinese C-919 può volare con climi rigidi

Test condotti con temperature pari a 40 gradi sotto zero

Grandi dimensioni e sviluppo integrale in territorio cinese con tecnologie dell’ex-impero celeste: è questa la descrizione sommaria che si può fare di C-919, l’aereo fabbricato dalla Nazione asiatica dall'azienda statale Comac (Commercial Aircraft Corporation of China) che ha appena completato una serie di collaudi di estremo interesse (leggi anche la notizia che è stata pubblicata da AVIONEWS). Come si è appreso dai media locali, infatti, il velivolo è stato sottoposto a test che sono durati circa venti giorni e che hanno avuto a che fare con temperature rigide, fino a 40 gradi sotto zero. L’operazione è stata definita un successo, questo vuol dire che l’aeromobile di cui si sta parlando resiste senza problemi ai climi più proibitivi. Per capire quanto fosse affidabile, C-919 è stato messo alla prova a Hulunbuir, per la precisione nella regione autonoma della Mongolia interna, in cui le condizioni atmosferiche non sono molto “ospitali”. Il test ha riguardato sia il sistema nel suo complesso che le varie attrezzature. Nel corso di queste prove, il termometro ha segnato appunto i 40 gradi sotto zero come temperatura più bassa dei venti giorni totali, di conseguenza questa informazione verrà sfruttata per i futuri impieghi. Tra le altre caratteristiche che si possono ricordare c’è il numero di posti, compreso tra 158 e 174, mentre l’autonomia in volo può andare da un minimo di 4 mila ad un massimo di oltre 5 mila chilometri. La prima produzione risale al 2015, mentre due anni dopo si è avuto il volo inaugurale. Si attende ora soltanto il rilascio del certificato di aeronavigabilità. 

Sullo stesso argomento leggi anche l’articolo pubblicato da AVIONEWS

Sr - 1234413

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar