It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Pagano (Pd): "Governo sostenga Leonardo di Grottaglie"

L'Esecutivo è stato invitato a spiegare come interverrà; il testo dell'atto parlamentare

L’onorevole Ubaldo Pagano, capogruppo del Partito Democratico in commissione Bilancio alla Camera, ha commentato l’attuale situazione complessa dello stabilimento Leonardo di Grottaglie, in provincia di Taranto (leggi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS). Secondo quanto riferito dalle rappresentanze sindacali unitarie, non esistono possibilità di gestire la situazione in modo chiaro, visto che manca una visione ben definita del futuro. Pagano ha posto l’accento sulla necessità di sostegno da parte del Governo, in modo che venga sostenuta in modo adeguato la filiera aeronautica nazionale, rilancio al tempo stesso la divisione di Leonardo. Il deputato ha poi aggiunto un dettaglio di non poco conto: “Ho firmato un'interrogazione parlamentare rivolta ai ministri Giorgetti, Orlando e Carfagna affinché illustrino presto cosa intendono fare per attutire la crisi del settore”. L’onorevole si è soffermato sul fatto che gran parte dei settori, in primis quello del trasporto aereo, abbia subito ricadute pesanti per via della crisi innescata dalla pandemia da coronavirus. Al tempo stesso, però, la congiuntura economica negativa non può tradursi in un taglio drastico delle commesse per le aziende del nostro Paese, altrimenti si rischierebbero licenziamenti a catena. Lo scorso mese di dicembre, proprio Leonardo ha deciso di firmare un importante accordo con i sindacati per la tutela dei posti di lavoro. A questo punto si attende una replica dell'esecutivo sulla questione dopo l'interrogazione presentata.

Sullo stesso argomento leggi anche l’articolo pubblicato da AVIONEWS.

Riportiamo il testo integrale dell'atto parlamentare:

"Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-08503 presentato da Pagano Ubaldo testo di mercoledì 10 marzo 2021, seduta n. 466

Ubaldo Pagano. Al ministro dello Sviluppo economico, al ministro del Lavoro e delle politiche sociali, al ministro per il Sud e la coesione territoriale. 

Per sapere, premesso che:

la crisi del traffico aereo civile, innescata dalla pandemia, ha avuto pesanti ricadute sulle aziende produttrici di aerei commerciali, in primis Airbus e Boeing;

nelle ultime settimane, Airbus ha comunicato di aver evidenziato per il 2020 una perdita netta di 1,13 miliardi di Euro ed una riduzione di circa 3600 posti di lavoro, mentre Boeing ha comunicato di aver riscontrato nel 2020 una perdita netta di 11,9 miliardi di dollari, con una riduzione organica di 30.000 addetti da completare entro la fine del 2021;

la crisi ha avuto ripercussioni anche sulla divisione aerostrutture di Leonardo, che, attraverso le attività svolte nei propri siti di Campania e Puglia, è fornitore primario di alcuni dei principali programmi aeronautici civili (A-321, ATR, B-787);

il 24 febbraio 2021, in occasione dell'audizione in commissione Difesa alla Camera dei deputati, i rappresentanti Boeing Company Italia hanno comunicato di sostenere nel nostro Paese, a fronte di 150 dipendenti diretti, un indotto occupazionale di 16.000 posti di lavoro e che ogni dollaro investito dall'Italia in programmi Boeing originerebbe un ritorno di 5 dollari;

il programma B-787 vede un coinvolgimento significativo di Leonardo, che realizza il 14 per cento della cellula e lo stabilizzatore orizzontale (quest'ultimo solo per alcune versioni);

il nuovo piano produttivo definito da Boeing prevede la produzione di 55 serie di B-787 nel 2021, con una media di poco superiore alle 4 serie al mese, a fronte delle 14 serie al mese prodotte prima della pandemia, con una riduzione dei volumi superiore al 50 per cento;

tale contrazione dei volumi ha un impatto particolarmente negativo sul sito Leonardo di Monteiasi-Grottaglie (Taranto) che, in base alle specifiche tecniche definite dal cliente, è attualmente dedicato in via esclusiva alla produzione delle sezioni centrale e centro-posteriore della fusoliera del velivolo;

al fine di salvaguardare i perimetri occupazionali della divisione aerostrutture, Leonardo ha siglato a fine dicembre 2020 un accordo con le organizzazioni sindacali, che prevede la conferma degli investimenti già previsti, la riqualificazione dei propri addetti sulla base di nuove competenze e l'individuazione di nuove opportunità di business;

il piano di rilancio fa leva interamente su risorse proprie dell'azienda e sull'accesso a strumenti di riqualificazione professionale e di sostegno agli investimenti previsti dalla normativa nazionale–:

se i ministri interrogati siano a conoscenza dei fatti esposti in premessa ed, in particolare, della circostanza che Boeing, nel confermare da un lato il proprio impegno nel nostro Paese, dall'altro intenda ridurre le commesse verso le aziende italiane;

quali iniziative intendano intraprendere per sostenere il piano di rilancio della divisione aerostrutture di Leonardo, con particolare riferimento al sito di Monteiasi-Grottaglie, e della filiera aeronautica nazionale". (4-08503)

Sr - 1235375

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar