It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Tra Armenia ed Azerbaigian torna la tensione

Dichiarazioni piccate sul cessate il fuoco

Non è ovviamente promettente l’inasprimento delle tensioni tra Armenia ed Azerbaigian, come sta emergendo nelle ultime ore dal racconto dei media del posto (leggi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS). Entrando più nel dettaglio della vicenda, Yerevan ha respinto al mittente le dichiarazioni di Baku, secondo cui gli armeni starebbero violando gli accordi relativi al cessate il fuoco. Il ministero armeno della difesa ha replicato con vigoria alle ultime frasi azere, ricordando inoltre come sia stata proprio Baku a bombardare diversi insediamenti nel Nagorno-Karabakh. Le forze armate di entrambi i Paesi, comunque, rimangono impegnate nell’accordo che prevede di mantenere la pace, con l’Azerbaigian che è stato sollecitato a fare ancora di più sul cessate il fuoco. Il dicastero armeno ha aggiunto altre dichiarazioni importanti in questo senso: “Ci vuole una fervida immaginazione per accusare le forze armate armene di bombardare le posizioni del loro alleato strategico”. Lo scorso mese di settembre è stato uno dei più duri nei rapporti bilaterali, visto che ci furono scontri pesanti ed intense battaglie nella regione contesa. Il 9 novembre successivo, invece, il presidente azero Ilham Aliyev, il premier armeno Nikol Pashinyan ed il presidente russo Vladimir Putin si impegnarono a firmare una dichiarazione congiunta sullo stop al conflitto a partire dal giorno successivo. I due Stati hanno mantenuto le proprie posizioni, lasciando intendere fin da subito come il raggiungimento di un vero e proprio accordo di pace sia a dir poco complicato. 

Sullo stesso argomento leggi anche l’articolo pubblicato da AVIONEWS.

Sr - 1236274

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar