It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Ex-ad Asiana Airlines condannato per mancati congedi ad hostess

Bocciò 138 richieste legate al ciclo mestruale

Non sono giornate tranquille quelle che sta vivendo Kim Soo-cheon, ex-amministratore delegato del vettore aereo Asiana Airlines (leggi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS). Secondo quanto riferito dai media della Corea del Sud, l’uomo avrebbe rifiutato 138 richieste di congedo mestruale che negli anni scorsi gli sono state presentate dalle hostess, una situazione che ha destato un certo scalpore. Si sta parlando di 16 assistenti di volo che avevano diritto a queste agevolazioni, come stabilito dal diritto del lavoro della Nazione asiatica per chi soffre di dismenorrea, vale a dire i forti dolori legati al ciclo mestruale. Entrando maggiormente nel dettaglio della legislazione locale, le dipendenti possono beneficiare di un giorno al mese per il congedo in questione, cosa che non è avvenuta tra il 2014 ed il 2015 con la compagnia. Per questo motivo, il tribunale di Seul ha condannato l’ex-ad, il quale dovrà ora pagare una sanzione pecuniaria pari a quasi duemila dollari. Il diritto che è stato appena approfondito esiste in Corea del Sud dal lontano 1953 e non è molto diverso da quello in vigore in Stati vicini come Giappone, Taiwan ed Indonesia. La difesa di Kim è stata definita troppo debole, visto che l’uomo ha sempre spiegato di non aver avuto prove sufficienti dalle hostess in merito alle mestruazioni. Altri casi sospetti lo avevano portato alla condanna nel 2017, anche perché la magistratura sud-coreana ha sempre sottolineato come richiedere la dimostrazione del ciclo a queste lavoratrici rappresenti una violazione della privacy e dei diritti umani. 

Sullo stesso argomento leggi anche l’articolo pubblicato da AVIONEWS.

Sr - 1236302

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar