It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Titolo Airbus vola in Borsa dopo aumento livelli produttivi

Nei prossimi anni crescerà la quota mensile di velivoli

La giornata odierna, giovedì 27 maggio 2021, verrà ricordata a lungo da Airbus per quel che riguarda le performance borsistiche (leggi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS). Il titolo dell’industria transalpina, infatti, ha registrato un aumento pari a 5,56 punti percentuali, superando di poco quota 103 Euro. Si sta parlando della migliore prestazione in assoluto dell’intero indice Cac-40 (rappresenta una misura basata sulla capitalizzazione dei 40 valori più significativi tra le 100 maggiori capitalizzazioni di mercato). Che cosa ha determinato questo rialzo così importante? L’annuncio di livelli produttivi superiori a quelli precedenti alla pandemia da coronavirus ha fatto la differenza. Airbus ha fatto sapere come i ritmi saranno pari a 64 aerei A320 da produrre ogni mese, un dato che si riferisce al secondo trimestre del 2023 (il periodo compreso tra i mesi di aprile e giugno). Nel 2019, dunque prima dell’emergenza sanitaria mondiale, la quota raggiunta dall’industria francese era pari a 60 velivoli mensili, mentre per il 2020 si parlava di 63 unità. Quest’ultimo risultato non è stato possibile per ovvi motivi, anche se fra due anni tutto potrebbe cambiare. I livelli pre-covid dovrebbero diventare realtà tra il 2023 ed il 2025 per quel che concerne il mercato degli aerei commerciali, in primis grazie all’impulso determinante dei mezzi a corridoio singolo, quindi con fusoliera stretta. Dopo i 64 aerei del 2023, il totale continuerà probabilmente ad aumentare, con 70 velivoli mensili da produrre nel 2024 e 75 dodici mesi dopo. 

Sullo stesso argomento leggi anche l’articolo pubblicato da AVIONEWS

Sr - 1237011

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar