It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Air Italy (2). Cuscito (Filt): "Inaccettabile silenzio Governo"

"Rischio licenziamenti già prossima settimana"

“Stiamo assistendo ad un silenzio assordante da parte del Governo”. Ad affermarlo su Air Italy il segretario nazionale Filt Cgil Fabrizio Cuscito, spiegando che “il prossimo primo luglio i 1450 lavoratori della compagnia potrebbero essere il primo blocco di licenziati in Italia”.

“La cassa integrazione -sottolinea il dirigente nazionale Filt Cgil- scade tra pochi giorni e già dalla settimana prossima l’azienda potrebbe dare il via al percorso che porterà ai licenziamenti. È inaccettabile che il Governo finora non si sia fatto carico di una situazione così grave. L'intero settore del trasporto aereo è fermo a causa dalla pandemia ed i lavoratori Air Italy ne sono la prime vittime”.

Secondo Cuscito: “è compito del Governo non lasciare indietro nessuno. I ministeri competenti, Sviluppo economico, Lavoro e Trasporti, sono da troppo tempo assolutamente latitanti, nonostante numerose richieste di convocazione. Adesso non c'è più tempo da perdere, va trovata una soluzione immediata per scongiurare i licenziamenti e va prorogata la cassa integrazione, lavorando poi ad una soluzione industriale. Il Governo ci convochi immediatamente”.

“1450 famiglie -sostiene infine il segretario nazionale Filt- non possono essere abbandonate dalla politica al loro destino. Anche per tutti i lavoratori di Air Italy è confermato lo sciopero unitario delle sigle confederali dei trasporti del prossimo 18 giugno”.

Sull'argomento vedi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS.

red - 1237229

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar