It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Ansv: relazione finale inchiesta incidente aereo 2019 sul ghiacciaio Rutor

Tra un elicottero ed un velivolo - ALLEGATO

L’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo (Ansv) ha pubblicato oggi la relazione finale d’inchiesta relativa all’incidente occorso il 25 gennaio 2019, sul ghiacciaio del Rutor, in Valle d’Aosta, agli aeromobili AS-350B3 marche I-EDIC e Jodel D-140E, marche F-PMGV.

L’elicottero AS-350B3 I-EDIC, impiegato in attività di eliski ed il velivolo Jodel D-140E F-PMGV, decollato dall’aeroporto francese di Megève per una missione addestrativa, collidevano in volo in una zona immediatamente a valle dell’inizio del ghiacciaio, lungo la Valle Sospesa (La Thuile), ad una quota di circa 2777 m. A seguito dell’incidente il pilota con quattro dei cinque passeggeri dell’elicottero e due dei tre occupanti dell’aereo decedevano.

Dall’inchiesta è emerso che l’incidente è stato causato da "una insufficiente attività di look-out da parte di entrambi gli equipaggi, che avrebbe dovuto essere effettuata in maniera più incisiva considerando l’area ristretta e le fasi di volo critiche in cui entrambi gli aeromobili stavano operando". 

 Al verificarsi dell’incidente hanno contribuito i seguenti fattori. 

  • La probabile assenza di comunicazioni radio bilaterali fra gli equipaggi dei due aeromobili nelle fasi di volo precedenti la collisione. 
  • La limitata o nulla visibilità disponibile per entrambi gli equipaggi verso il settore occupato dall’altro aeromobile, derivante dalla architettura costruttiva dei rispettivi aeromobili, nonché, nel caso dell’elicottero, anche dalla posizione a bordo del comandante. 
  • La posizione del sole, frontale ad entrambi gli aeromobili, che potrebbe aver significativamente influito sulle capacità di percezione visiva delle rispettive posizioni da parte dei due equipaggi. 
  • Le criticità presenti a livello informativo nell’Aip Italia (pubblicazione ufficiale dello Stato italiano), che non rendono agevole la conoscenza della normativa/procedure di interesse da parte degli operatori aeronautici, stranieri inclusi, obbligando chi lo consulti a ricerche non sempre agevoli, senza tacere il fatto che le fonti richiamate sono scritte in lingua italiana e quindi non necessariamente comprensibili da parte di stranieri. 
  • Il comportamento tenuto a livello organizzativo dall’Aéroclub de Megève; si può infatti ritenere che quest’ultimo fosse a conoscenza, almeno a partire dal 2004 (quando gli fu contestata una infrazione alla normativa italiana) dell’esistenza di limitazioni al volo in territorio italiano, ma che piloti dello stesso abbiano perseverato ugualmente nella pratica di atterrare indifferentemente sui due lati del confine, in particolare, per quanto qui di interesse, in territorio italiano, in violazione della normativa nazionale italiana. 

A conclusione dell’inchiesta, Ansv ha emanato, a fini di prevenzione, sei raccomandazioni di sicurezza.

In particolare, l’Agenzia, oltre a rappresentare la necessità di sanare le criticità rilevate nell’Aip Italia, raccomanda anche un coordinamento tra gli organismi di polizia presenti a livello locale e l’Enac, al fine di consentire a quest’ultimo di avere contezza della inosservanza delle limitazioni al volo esistenti sul territorio italiano.

L’Ansv raccomanda, altresì, all’Easa (Agenzia Unione europea sicurezza aerea), di valutare l’opportunità di dotare obbligatoriamente gli aeromobili operanti in spazi aerei di classe “G” di sistemi di bordo anticollisione o di sistemi comunque finalizzati a rilevare la prossimità di altri aeromobili.

Infine, l’Agenzia raccomanda all’autorità dell’aviazione civile francese di svolgere una più efficace attività di sorveglianza e di safety promotion presso gli operatori francesi, sensibilizzandoli sulle problematiche emerse nel corso dell’inchiesta svolta dall’Ansv, in particolare per quanto concerne l’attività effettuata in territorio italiano, in alta montagna, nelle vicinanze del confine di Stato.

Lo scopo delle inchieste di sicurezza consiste unicamente nel prevenire futuri incidenti/inconvenienti; conseguentemente, non compete alle inchieste di sicurezza attribuire colpe o responsabilità.

Una raccomandazione di sicurezza è una proposta, formulata esclusivamente da una autorità investigativa per la sicurezza dell’aviazione civile (in Italia, l’Ansv) sulla base dei dati emersi da una inchiesta di sicurezza o da altre fonti (come studi in materia di sicurezza), finalizzata alla prevenzione di incidenti e di inconvenienti.

 Sull'argomento vedi anche le notizie pubblicate da AVIONEWS 12345 e 6.

La versione integrale del rapporto (86 pagine) è allegata a questa AVIONEWS.

Attachments
red - 1237319

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar