It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Parigi, soprano denuncia maltrattamenti in aeroporto

I controlli delle forze dell'ordine sarebbero stati eccessivi

Nelle ultime ore sta destando un certo clamore la storia raccontata da Pretty Yende, soprano nato in Sudafrica che è sbarcata a Parigi per nuove recite liriche, per la precisione al Theatre des Champs-Elysées nella "Sonnambula" di Vincenzo Bellini. Il suo racconto si riferisce all’arrivo all’aeroporto “Charles De Gaulle” in cui sarebbe stata oggetto di violenze ed insulti di ogni tipo. Cosa è successo di preciso? Secondo Yende, 36 anni e molto attiva proprio nella capitale francese, i controlli presso lo scalo sarebbero stati regolari in un primo momento prima di sfociare in qualcosa di diverso. L’artista ha parlato dei poliziotti parigini che l’avrebbero costretta a spogliarsi, a privarsi di tutti gli effetti personali per essere “perquisita come una criminale”. Come se non bastasse tutto questo, sarebbe rimasta chiusa in una cella dell’ufficio doganale. Le rivelazioni non sono affatto finite: “Faceva freddo, all'inizio ero al buio e mi hanno lasciata sola con un telefono fisso ed un pezzo di carta sul quale mi avevano detto di scrivere i numeri di parenti ed amici che potevo chiamare. La maggior parte di loro ha rifiutato di rivolgersi a me in inglese, c'erano più di 10 poliziotti che potevo udire mentre parlavano e ridevano nel corridoio”. 

Secondo alcune indiscrezioni, il soprano non aveva i requisiti per il permesso di soggiorno in Francia: “Era in possesso di un passaporto sudafricano privo di visto per la Francia. Ha poi mostrato agli agenti un altro documento italiano non valido per l’espatrio”. Sui maltrattamenti subiti, però, è calato il silenzio e sarà necessario un approfondimento in tempi rapidi. 

Sullo stesso argomento leggi anche l’articolo pubblicato da AVIONEWS

Sr - 1237529

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar