It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Russia assicura sostegno incondizionato a truppe Tagikistan

Dopo tensioni al confine con l'Afghanistan

Una precisazione che fa riflettere: nel corso di una conferenza presso l’università federale dell’Estremo Oriente, il ministro russo degli esteri Sergey Lavrov ha promesso sostegno incondizionato al Tagikistan nell’eventualità di un attacco ai danni di questo Paese al confine con l’Afghanistan (leggi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS). Lavrov ha assicurato una riunione d’urgenza dell’organizzazione del Csto (Trattato di Sicurezza Collettiva) nell’ipotesi in questione, visto che Mosca e Dushanbe sono alleate per quel che riguarda la sicurezza collettiva. Inoltre, non bisogna dimenticare che la Russia ha una propria base militare proprio in Tagikistan. Ma cosa sta accadendo di preciso? Più di mille soldati afghani si sono ritirati nelle ultime ore in questa zona del Paese in seguito agli scontri con i talebani. La situazione nelle regioni settentrionali dell’Afghanistan, inoltre, si è deteriorata progressivamente ed è diventata motivo di forte preoccupazione. Le ultime notizie da questa zona del mondo risalivano allo scorso mese di aprile. In quel caso, ci furono tensioni con il Kirghizistan, con entrambe le Nazioni che decisero di ritirare le truppe dalla zona di confine, nonostante una escalation di tensioni. Il conflitto tra le due ex-Repubbliche sovietiche ha causato tre vittime e 22 guardie di frontiera ferite. La zona di confine è quella vicina ad un impianto idrico, per la precisione a Golovnoy. Il 28 aprile, il nervosismo è montato alle stelle tra le guardie di frontiera con scontri armati che sono culminati nella giornata successiva, prima del cessate il fuoco e del già citato ritiro delle truppe. 

Sullo stesso argomento leggi anche l’articolo pubblicato da AVIONEWS

Sr - 1237816

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar