It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Assaeroporti: approvato programma triennale

Le dichiarazioni del presidente Carlo Borgomeo

L’assemblea ordinaria di Assaeroporti si è riunita oggi a Roma sotto la presidenza di Carlo Borgomeo che ha illustrato agli scali associati le linee programmatiche per il prossimo triennio. 

Il programma di mandato del presidente, approvato all’unanimità, individua le priorità per il settore aeroportuale, dopo un periodo particolarmente difficile. Seppur gli ultimi dati di traffico disponibili evidenzino primi segnali di ripresa -a luglio si è raggiunto il 55% dei volumi del 2019 grazie alla campagna vaccinale e alle progressive riaperture a livello nazionale ed europeo- il danno subito dagli aeroporti resta gravissimo, con una previsione di ripresa lenta anche per il limitato apporto dei voli internazionali e intercontinentali. 

Urgente erogazione delle risorse del Fondo di compensazione da 800 milioni di Euro per il settore. Da marzo 2020 i danni che gli aeroporti hanno registrato a causa del Covid superano il miliardo e mezzo di Euro e le risorse stanziate dalla legge di bilancio a dicembre 2020 non sono ancora state erogate. “L’approvazione da parte della Commissione europea a fine luglio della misura di compensazione per i danni subiti dal comparto aeroportuale è un primo positivo risultato ma –spiega il presidente– è vitale per il comparto che l’iter si concluda entro l’anno”. 

Sviluppo, sostenibilità e digitalizzazione. “Il sistema aeroportuale italiano ha già da tempo raccolto la sfida della sostenibilità. Per l’immediato futuro –continua, elencando gli obiettivi del suo mandato– la nostra linea è quella di predisporre progetti di alta qualità e immediatamente cantierabili per sostenere nuovi investimenti a partire dalla transizione ecologica e digitale. È uno sforzo che consentirà di migliorare i già elevati standard di sicurezza, di qualità dei servizi e di sostenibilità dei nostri aeroporti. Questo impegno deve misurarsi con un quadro di riferimento nazionale ed europeo particolarmente difficile: è singolare che le Istituzioni tendano ad escludere il settore dai finanziamenti pubblici e allo stesso tempo lo spingano ad investire per la sostenibilità. Evidentemente si sopravvalutano le capacità di autofinanziamento dei gestori e si sottovaluta l’importanza degli aeroporti a livello economico e sociale”. 

Vale la pena ricordare che il settore aeroportuale rappresenta il 3,6% del Pil, dà lavoro a 150 mila addetti diretti ed a 880 mila indiretti. E non bisogna tralasciare l’impatto positivo che gli aeroporti hanno sul turismo: in era pre-Covid, il solo mercato nord-americano ha assicurato all’Italia volumi di spesa per 7 miliardi di Euro all’anno. 

Il nodo Alitalia ed i crediti vantati dai gestori. Guardando ai problemi più urgenti, il presidente Borgomeo ha evidenziato la grave questione dei crediti vantati dai gestori nei confronti di Alitalia in amministrazione straordinaria. “La comprensibile volontà di favorire la nascita della compagnia nazionale di riferimento e di gestire al meglio una grave crisi occupazionale non può tuttavia sottovalutare la situazione di difficoltà degli aeroporti, anch’essi impegnati in una complicata opera di ripartenza e di salvaguardia di migliaia di posti di lavoro. Non si può continuare ad ignorare che il vettore da tempo non paga i gestori aeroportuali e che i crediti hanno assunto dimensioni non più sostenibili”.

L’assemblea di Assaeroporti ha, infine, rinnovato le cariche associative del Consiglio dei revisori contabili e dei probiviri.

Sono stati nominati nel Consiglio dei revisori contabili, come membri effettivi, Piero Righi, Fabrizio Ferrentino e Umberto Solimeno; come membri supplenti, Tommaso Francalanci e Patrizio Summa.

In carica come probiviri: Cesare Mirabelli, Carmine Bassetti, Luca Ciarlini, Antonio Marano ed Anna Milanese.

red - 1238901

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Similar