It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Droni armati: la decisione spetta al Parlamento

Lo ha detto oggi il ministro della Difesa Guerini in Parlamento

Si è tenuta questa mattina presso le commissioni riunite Difesa di Camera e Senato l'audizione del ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, (vedi AVIONEWS) che ha parlato del documento programmatico pluriennale per il triennio 2021-2023. Numerosi i temi affrontati: dalla Nato che resta il punto di riferimento per l'Italia, al vertice a Madrid del 2022 sulla difesa comune europea. In questo contesto si inquadra la risposta alla domanda sull'adesione di Roma al programma dei droni armati: sono "sistemi gestiti dall'uomo da remoto" e "non sistemi dotati di intelligenza artificiale" ed in ogni caso la decisione spetta "al Parlamento", ha detto.

"Questo aspetto riguarda sia il pilotaggio sia, a maggior ragione, l'eventuale impiego dell'armamento di bordo che come per qualsiasi altro sistema d'arma verrà attuato nel rispetto delle norme del diritto internazionale e nazionale, ed anche delle regole di ingaggio che saranno specificamente previste, e che sono specificamente previste per ogni sistema d'arma". Le Forze armate italiane impiegano "da oltre un decennio i Predator in missioni di intelligence, sorveglianza, ricognizione" in diversi contesti. "L'esigenza nasce dalle valutazioni sull'emergere di nuove minacce che hanno mostrato rilevanza sui campi in cui siamo impegnati, ed in cui il drone armato è un'opzione per proteggere le forze a terra e per neutralizzare eventuali minacce prima che possano manifestarsi", ha concluso il ministro.

Gic - 1239618

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar