It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Fbi indaga su contrabbando dipendenti Aeroflot

Equipaggio del vettore aereo avrebbe rubato dispositivi elettronici

Non si può certo parlare di “guerra fredda”, ma Russia e Stati Uniti sono le Nazioni protagoniste di un’inchiesta molto particolare che riguarda il trasporto aereo. Come reso noto in queste ultime ore dai media a stelle e strisce, l’Fbi sta indagando sul comportamento degli attuali ed ex-dipendenti del vettore russo Aeroflot Airlines. L’accusa è davvero pesante: questi dipendenti avrebbero favorito il contrabbando in territorio russo per quel che riguarda dispositivi elettronici rubati e per un valore economico complessivo di 50 milioni di dollari. Oltre a Federal Bureau Investigation, si stanno occupando del caso anche la polizia di New York e Customs and Border Protection. Ma cosa è successo di preciso? 

I lavoratori di Aeroflot coinvolti sono 10 e tutti sotto inchiesta per i furti ripetuti di questi oggetti presso gli aeroporti; tra la merce rubata ci sarebbero iPhone, iPad e AppleWatch. Il contrabbando è venuto alla luce in seguito alla perquisizione dei bagagli degli indagati, otto dei quali sono già finiti in manette (gli altri due risultano latitanti). Si tratterebbe di un contrabbando internazionale che avrebbe sfruttato cittadini russi per evitare la normativa americana sull’esportazione di merce. Per il momento, l’aviolinea di Mosca non ha voluto commentare l’indagine. Ad aprile, in piena emergenza sanitaria da coronavirus, la compagnia aveva deciso di ridurre le spese all’osso, annullando di fatto acquisti e contratti non essenziali (leggi anche l’articolo pubblicato da AVIONEWS).

Sr - 1232715

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar