It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Vettori aerei. Le critiche di Wizz Air sugli slot e bande orarie

L'ad Varadi ha citato l'esempio di Gatwick

Nel corso della giornata di ieri, martedì 24 novembre 2020, l’amministratore delegato del vettore aereo low-cost Wizz Air, Jozsef Varadi, è stato ospite di un evento organizzato dal quotidiano francese “La Tribune”. “Paris Air Forum”, questo il nome della manifestazione, è stata l’occasione per approfondire l’attuale situazione del trasporto aereo e non sono mancate le accuse rivolte nei confronti dell’Unione europea e non solo (leggi anche l’articolo pubblicato da AVIONEWS). In particolare, Varadi ha sottolineato di non gradire affatto il sistema predisposto da Bruxelles per fronteggiare la crisi innescata dal coronavirus. Un riferimento ben preciso è stato quello degli slot per decolli ed atterraggi che vengono mantenuti anche per le compagnie che non li utilizzano; nel dettaglio, l’ad dell’aviolinea ungherese ha citato l’esempio dell’aeroporto londinese di Gatwick. 

Stando alle parole di Varadi, una gestione del genere impedirebbe a Wizz Air di “spiccare il volo in maniera definitiva”, tanto è vero che sarebbero in corso delle trattative per ripristinare in tempi rapidi i regolamenti originali. Il manager magiaro è convinto della possibilità del low-cost di fronteggiare una eventuale ripresa alimentata dai viaggi di piacere ed a medio raggio, senza temere alcuna concorrenza. L’estensione del mantenimento degli slot e delle bande orarie è stata richiesta da diversi vettori aerei è stata prorogata già una volta e la principale preoccupazione di Varadi in questo momento è che succeda un’altra volta. 

Sull’argomento leggi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS

Sr - 1233492

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar