It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Nel 2020 gli aeroporti spagnoli hanno perso 200 milioni di passeggeri

Il peggior anno di sempre per Aena

Annus horribilis: il latino è perfetto per descrivere il 2020 del trasporto aereo della Spagna, in particolare i dati che si riferiscono agli aeroporti del Paese iberico. Secondo quanto si è appreso in queste ore, Aena (Aeropuertos Españoles y Navegación Aérea) ha registrato le peggiori performance di sempre nei dodici mesi che sono appena terminati (leggi anche l’articolo che è stato pubblicato da AVIONEWS). Entrando maggiormente nel dettaglio dei numeri, il totale dei passeggeri che sono passati dagli scali spagnoli è sceso di 72,4 punti percentuali rispetto a quanto avvenuto nel 2019. Il gestore aeroportuale ha garantito il trasporto di poco più di 76 milioni di passeggeri, quasi 200 milioni in meno se si effettua il confronto con l’anno precedente. 

La crisi innescata dalla pandemia da coronavirus ha ovviamente avuto un ruolo determinante, tanto è vero che i collegamenti garantiti dagli aeromobili in questa Nazione sono stati caratterizzati da un preoccupante -53,4%. Le rotte internazionali hanno avuto la peggio, con un calo del traffico piuttosto evidente (-78% per quel che riguarda i passeggeri, meno di 42 milioni di persone nello specifico), ma neanche i viaggi interni sono andati bene. Le rotte nazionali, infatti, hanno garantito poco meno di 34 milioni di viaggiatori, con una differenza negativa di oltre 60 punti percentuali. Lo scalo più utilizzato in assoluto, infine, è stato l’aeroporto “Adolfo Suárez “ di Madrid-Barajas con circa 17 milioni di passeggeri.

Sullo stesso argomento leggi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS

Sr - 1234274

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar