It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Faa avverte Boeing: "Sicurezza non è negoziabile"

Nuove critiche per alcune infrazioni commesse

Non è un buon periodo quello che sta vivendo Boeing. L’industria americana deve fare i conti con la questione sicurezza che riguarda alcuni dei suoi velivoli, con Federal Aviation Administration che ha deciso di prendere una posizione molto netta in questo senso (leggi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS). Il numero uno dell’ente statunitense, Steve Dickson, è stato chiarissimo, spiegando come il mantenimento della sicurezza dei passeggeri sia la principale responsabilità a cui pensare. Inoltre, “questa responsabilità non è negoziabile e Boeing sarà considerata colpevole di quanto accaduto nei cieli”. Per quale motivo c’è stato un nuovo attacco nei confronti dell’industria di Chicago? Il motivo è presto detto: Faa ha scoperto alcune scorciatoie che Boeing avrebbe sfruttato per ottenere in maniera più agevole l’omologazione dei propri velivoli. Entrando maggiormente nel dettaglio della questione, ci sarebbe stata l’installazione su 759 B-737 Max di apparati che contenevano sensori non autorizzati per questi modelli che sono stati protagonisti dei due incidenti mortali in Etiopia ed Indonesia nel 2018 e 2019. Per l’infrazione ed altre ancora, è stata decisa una sanzione pecuniaria pari a 17 milioni di dollari: se non ci sarà il pagamento, insieme alle relative azioni correttive, entro 30 giorni, Faa imporrà una nuova multa di importo pari a 10 milioni di dollari. In aggiunta, ci potrebbe essere persino il divieto di autorizzazione al decollo degli aerei. In poche parole, quello che bolle in pentola non è affatto promettente per Boeing.

Sullo stesso argomento leggi anche l’articolo pubblicato da AVIONEWS

Sr - 1237096

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar