It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Cdm su Dm incendi boschivi: tecnologie, aerei, elicotteri, droni e formazione

Soddisfazione espressa dal sottosegretario Transizione ecologica Fontana (M5S)

Il consiglio dei ministri si è riunito giovedì 2 settembre 2021, alle ore 11:45 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del presidente Mario Draghi. Facente la parte di segretario, il sottosegretario alla presidenza Roberto Garofoli.

Decreto incendi

Disposizioni per il contrasto degli incendi boschivi ed altre misure urgenti di protezione civile (decreto-legge)

Il consiglio dei ministri, su proposta del presidente Mario Draghi di concerto con i ministri della Giustizia Marta Cartabia, dell’Interno Luciana Lamorgese, della Difesa Lorenzo Guerini, dell’Economia e delle finanze Daniele Franco, per l’Innovazione tecnologica e la transizione digitale Vittorio Colao, della Transizione ecologica Roberto Cingolani, per il Sud e la coesione territoriale Mara Carfagna, per gli Affari regionali e le autonomie Mariastella Gelmini, delle Politiche agricole alimentari e forestali Stefano Patuanelli e dell’Università e della ricerca Maria Cristina Messa, ha approvato un decreto-legge che introduce disposizioni per il contrasto degli incendi boschivi ed altre misure urgenti di protezione civile.

Il decreto affida al Dipartimento della protezione civile della presidenza del Consiglio dei ministri il compito di stilare, con cadenza triennale, il Piano nazionale per il rafforzamento delle risorse umane, tecnologiche, aeree e terrestri necessarie per una più adeguata prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi, documento che andrà ad integrare la consueta pianificazione regionale.

A tal fine al Dipartimento della protezione civile è affidata la ricognizione e valutazione di strumenti innovativi, quali:

  • tecnologie, anche satellitari, idonee all’integrazione dei sistemi previsionali, di sorveglianza, monitoraggio e rilevamento dell’ambiente; 
  • mezzi aerei ad ala fissa (velivoli), rotante (elicotteri) o Uav (Unmanned Aerial Vehicle, o droni, senza pilota a controllo remoto); 
  • mezzi terrestri;
  • formazione.

Il Dipartimento della protezione civile provvederà a questa ricognizione e valutazione avvalendosi di un Comitato tecnico, costituito con decreto del capo del Dipartimento, del quale fanno parte qualificati rappresentanti dei ministeri interessati, del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco, del Comando Carabinieri per la tutela forestale, delle Regioni e Province autonome di Trento e di Bolzano e dell’Associazione nazionale dei Comuni d’Italia.

A fronte dei numerosi e drammatici incendi che hanno interessato nei mesi scorsi il nostro Paese e per consentire l’urgente rafforzamento della capacità operativa delle componenti statali impegnate nelle attività di lotta attiva contro gli incendi boschivi, il ministero dell’Interno ed il ministero della Difesa, sono autorizzati –già nel 2021- all’acquisizione di mezzi aerei, mezzi terrestri, attrezzature e strumentazioni utili alla lotta attiva agli incendi boschivi. L’acquisizione potrà avvenire già nell’anno in corso, con risorse aggiuntive a cui si affiancano le risorse disponibili nel Pnrr (Piano nazionale ripresa e resilienza) nell’ambito della transizione ecologica.

Nell’ambito della strategia per lo sviluppo delle aree interne, sono inoltre stanziati 100 milioni nel triennio 2021-2023 in favore degli enti territoriali impegnati nella lotta attiva agli incendi boschivi. Tali stanziamenti consentiranno di dare concreta attuazione a quanto previsto dai piani antincendio boschivi approvati dalle Regioni, in particolare: contrastare l’abbandono di attività di cura del bosco, prevedere postazioni di atterraggio dei mezzi di soccorso, realizzare infrastrutture (ad esempio vasche di rifornimento idrico utili ad accelerare gli interventi di spegnimento degli incendi), predisporre vie di accesso e tracciati spartifuoco e manutenere le aree periurbane. 

Sanzioni

Il decreto inasprisce le sanzioni –sia amministrative che penali, in particolare per l’ipotesi in cui ad appiccare il fuoco sia chi avrebbe invece il compito di tutelare il territorio (viene, al riguardo, introdotta una specifica aggravante)– e mira a colpire gli interessi degli autori degli illeciti, ad incentivare la collaborazione con le indagini ed a favorire condotte volte alla riparazione del danno causato. 

Una condanna per incendio doloso non inferiore a due anni comporta, inoltre, per il dipendente pubblico l’estinzione del rapporto di lavoro con la pubblica amministrazione e l’interdizione dalla possibilità di prestare servizi nell’ambito della lotta contro gli incendi.

Come già avviene per il ravvedimento operoso previsto per i reati ambientali, si introduce un’attenuante per chi, prima dell’inizio del processo, provveda alla messa in sicurezza e, ove possibile, al ripristino dei luoghi, salvo che a provocare l’incendio doloso sia chi prestava servizio nell’ambito della prevenzione e della lotta attiva contro gli incendi.

Soddisfazione per le misure adottate ieri è stata espressa dal sottosegretario al Mite (Transizione ecologica) Ilaria Fontana (M5S). Infine per quanto riguarda i roghi lo stesso cdm aveva dichiarato nei giorni scorsi lo stato di emergenza in alcune regioni (nello specifico Calabria, Molise, Sardegna e Sicilia). Sull'emergenza incendi vedi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS

red - 1238733

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar