It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Creditori Thai Airways approvano piano organizzazione

Vettore aereo attende ora ok tribunale fallimentare

Liscio come la seta: il motto ufficiale del vettore aereo Thai Airways può essere applicato anche al piano di riorganizzazione che sta tenendo sulle spine i vertici della compagnia asiatica (leggi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS). Si può infatti dire che per il momento sta filando tutto liscio, dopo che i creditori hanno approvato il piano stesso, una boccata di ossigeno in cui credevano in pochi a dire il vero. Si sta parlando di coloro che detengono oltre il 91% del debito contratto dall’aviolinea thailandese, dunque la stragrande maggioranza e che hanno “acceso” il semaforo verde per la nuova organizzazione dal punto di vista aziendale. Serve comunque un altro passaggio prima di cantare definitivamente vittoria, vale a dire l’approvazione finale da parte del tribunale fallimentare della Thailandia, una sentenza che è attesa per il prossimo 28 maggio. Non è stata solamente la pandemia da coronavirus a rovinare le finanze di Thai Airways. Già nel 2017, infatti, le perdite erano superiori ai 2 miliardi di baht (oltre 67 milioni di dollari per la precisione), aumentando di cinque volte l’anno successivo (11,6 miliardi di baht) ed arrivando fino a 12 miliardi nel 2019. L’emergenza sanitaria non ha fatto altro che inasprire questo bilancio pessimo, con perdite pari a 141 miliardi di baht, una cifra a dir poco spaventosa. Ora sarà necessario un nuovo prestito a lungo termine oppure, in alternativa, un prestito rotativo da 50 miliardi. 

Sullo stesso argomento leggi anche l’articolo pubblicato da AVIONEWS

Sr - 1236840

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar